MiVeg 2023: grazie!

Partiamo subito con il ringraziare le 12mila persone che hanno assaltato l’East Est Studio.
La domenica, nelle ore centrali, eravate così tanti … ma così tanti che avete reso angusto uno spazio che doveva essere enorme.
Grazie per le chiacchiere, i sorrisi, ma anche per le critiche costruttive, ne faremo tesoro.
Vi abbiamo detto fino allo sfinimento che “se non vieni manchi solo tu”, direi che forse mancavano solo i 2 leocorni!
Continuiamo i ringraziamenti con un abbraccio collettivo alle tantissime volontarie e tantissimi volontari che hanno speso tutte le energie possibili e immaginabili per questi 2 giorni.
Grazie a chi ha fotografato, ripreso, parlato, cantato, spazzato, pulito, lavato, asciugato, pelato, cotto, grigliato, fritto, assemblato, venduto, gestito, versato, supportato, accompagnato, ballato e … dispensato sorrisi e abbracci.
Molte le new entry ma tanti anche i volontari storici. Sappiamo che è stato sfiancante ma grazie di non aver mai mollato!
Siete stati come sempre una forza!
Un grazie speciale per i tatuatori Amanzio, Tiziana, Francesca, La Taty, Martino, Andrea, Vittoria e Nad che, anche quest’anno, hanno instancabilmente colorato la vostra/nostra pelle devolvendo tutto l’incasso agli animali rifugiati!
Il Miveg è composto da 3 anime dove cerchiamo sempre di eccellere, una vive nel nostro cuore e racchiude i contenuti che vogliamo divulgare.
Un programma intenso, bellissimo, a tratti poetico, sempre emozionante.
Quindi grazie a tutti i relatori che hanno voluto condividere con noi il loro sapere e le loro esperienze, siete il vero valore aggiunto del festival, siete i tanti semini che vogliamo gettare, certe che prima o poi attecchiranno e avremo un mondo migliore più giusto per tutti.
La menzione speciale qui è per i santuari, il cuore nel cuore di questo Miveg, grazie a tutti amiche e compagne di percorso
La seconda anima del Miveg sono gli espositori. Importantissimi. A cui quest’anno abbiamo dovuto chiedere uno sforzo in più per l’eccessivo aumento delle spese necessarie per far partire questo Festival.
Grazie di averci creduto insieme a noi e speriamo di riavervi il prossimo anno
Grazie ai media partner FVmagazine e RadioVeg.it e instancabile ufficio stampa per averci aiutato a farci conoscere.
La menzione speciale è per gli sponsor, vera novità di quest’anno.
Grazie ai “big five” capitanati da Amorum (Pangea Food, Food Evolution, Brain Foods e Revo Foods) i primi ad essere al nostro fianco, grazie a Hotel Luxor Veg e a V-Label per averci creduto più di tutti e a Fermaggio, heurafoods.it, Bio Salute, Antikorpo Brewing, Birra OV, The Bridge Bio e WAMI per averci donato i loro prodotti per un festival più buono!
Ed eccoci alla terza anima, quella che collega la gola, la pancia e il cuore. La terza anima è il food ovviamente. Non solo perché è ciò che viene preso più d’assalto e vogliamo sia buono, ma soprattutto perché è proprio il ricavato di quei piatti, di quei panini, di quei fritti e di quei fantastici dolci, che va ai nostri animali.
Animali che sono aumentati tantissimo, se non sapete la storia leggetela qui
vitadacani.org/sostienici/cilavengers
Proprio ora che i costi del cibo e del fieno sono quasi duplicati. Proprio ora che per la peste suina, non sono consigliati gli spostamenti perché troppo rischiosi.
Per tutti questi motivi e per aver perso la calma solo poche volte , diciamo grazie quindi alle novità di quest’anno, Davide e Martina e agli oramai storici partner de La compagnia della polenta.
Per ultimi, ma non ultimi ovviamente, lasciamo i ringraziamenti a noi stessi: la crew di Vitadacani. Abbiamo organizzato questo festival nel mezzo di mille problemi che richiedevano la nostra attenzione e siamo arrivati ad affrontare questi 3 giorni e 3 notti (tra montaggio e smontaggio), già stanchi e provati anche se carichissimi.
Grazie a tutti per aver retto e per aver scritto di essere già pronti ad organizzare il Miveg 2024. Siete pazzi ma vi vogliamo così, una vera forza della natura .
Ai pochi che hanno resistito e terminato lo smontaggio ieri, tutta la mia e nostra stima!
Ci vediamo nel 2024!

Qualche foto